Su di me…

Di più su mitu monteiro

La mia storia, la mia missione: non arrendersi mai

IL RAGAZZO DALL’OCEANO

Sono dell’isola di Sal in Capo Verde Cresciuto in Santa Maria, un piccolo villaggio di pescatori Sono nato in una notte d’estare in una piccola stanza senza elettricità. Mia mamma mi crebbe da sola. Era giovane, con pochissime entrate, e anche molto piccolo io rimanevo a casa solo mentre lei lavorava. È andato tutto bene per i primi mesi – il problema è iniziato solo quando ho imparato a camminare. Non appena fosse andata a lavorare, avrei lasciato la culla con la mia bottiglia di latte e mi sarei aggirato per la casa. Ricordo una volta che ho messo un bastone nella presa elettrica e mi ha letteralmente scaraventato qualche metro per la stanza. Mi sono addormentato sul pavimento tremando per la febbre dopo lo shock, e mia madre mi ha trovato nello stesso stato ore dopo quando è tornata dal lavoro. … A tale proposito, a volte penso che qualcuno dall’alto stia attento a me …

Mentre crescevo, c’erano più preoccupazioni per mia madre da portar avanti. Quando mi portava a scuola, scappavo non appena se ne era andata. Ed è stato in quel periodo che è iniziata la mia passione per l’oceano. Ho trascorso la maggior parte delle mie giornate sulla spiaggia osservando le barche dei pescatori, affascinato dal modo in cui le loro vele le spingevano in avanti. E dopo un po ‘, ho iniziato a realizzare miei modellini di barche con del legno e sacchi di immondizia, e a metterle in acqua ho imparato le basi della direzione del vento. Quando ho iniziato con i modellini di barche, il problema era farle navigare di bolina; la barca girava perché non aveva abbastanza peso sul fondo. Così un giorno ho nuotato molto vicino a una vera barca, mi sono guardato intorno e ho avuto un colpo di genio “Ahh ha bisogno di più peso sotto”. Ricordo che i pescatori mi portavano a casa da mia madre dopo avermi salvato dall’annegamento. All’epoca pensavo di essere in grado di nuotare per lunghe distanze .. La pura innocenza della mente di un bambino! E ricordo che mia madre piangeva al riguardo. Sapevo che era colpa mia, ma era impossibile per me stare lontano dal mare. Non riuscivo proprio a evitarlo!

E poi ho scoperto le onde … La mia prima bodyboard era un sacco pieno di vecchie bottiglie d’acqua imballate all’interno per il galleggiamento e così ho imparato a cavalcare le onde con i miei amici. Un giorno abbiamo trovato una vecchia tavola da windsurf nella spazzatura fuori da una centro windsurf sulla nostra spiaggia. Eravamo davvero piccoli, ma abbiamo provato tutti a navigare con questa enorme tavola, imparando a trascinare il piede in acqua per ottenere una pinna e e girarla nelle onde. Ho iniziato a usare un sacco di plastica come una vela, a sedermi sulla tavola per provare a fare windsurf, ma ho potevo solo andare sottovento. E poi un giorno un ragazzo mi ha visto e ha detto: “Ahh Mitu, dai, ti faccio vedere come fare windsurf” Quindi ha tagliato la vela e l’albero e ha reso la vela più piccola per me. Non è stato facile, ma in un giorno ho imparato ad andare, tornare e rimanere sopravento. Ho trascorso tutto il giorno in acqua solo giocando con la mia piccola vela e ho imparato molto velocemente.

Mitu black white

Dopodiché, applicai cio’ che avevo impaeato nel windsurf ai miei modellini per non farli scarrocciare. Avevo 11 anni. Poi ho preso un’altra tavola e ho iniziato a usare il trapezio e le straps e ho imparato a saltare. Ma la mentalità sul surf e sul windsurf era diversa allora. Quando ho detto a mia mamma che volevo andare a fare surf, lei diceva “Surf per cosa? Cosa ti darà l’onda? Se vai a pescare, allora possiamo cenare. ” Per diversi anni ho cercato di continuare a studiare, ma a 16 anni ho deciso di lasciare la scuola e dedicarmi alla mia vera passione. Ho praticato la pesca subacquea per poter portare del cibo a casa e ho iniziato a lavorare come istruttore di windsurf Avevo un sogno. Avevo un obiettivo. Tutta la mia esistenza era dedicata al mare. E la passione che ho avuto per questo mi ha aiutato a stare lontano dai percorsi sbagliati della vita. Il mare è sempre stato la mia salvezza

E poi ho visto un Kite in aria …

Un mio amico è venuto a Sal con un kite e un libro di teoria e mi ha chiesto di fare la parte pratica mentre stava leggendo. E’ stato divertente. Ad essere sincero mi è sembrato facile. Rispetto al windsurf, dove ogni passo richiede settimane e settimane di pratica, il kitesurf era semplice da imparare. E questo è stato il motivo per cui ho rinunciato dopo un paio di settimane. Ma poi, ricordo di aver visto un turista fare un board off e ho capito che non si trattava solo di saltare. Così presi di nuovo in prestito l’ala dall’uomo con cui stavo lavorando, e dopo tre mesi avevo abbastanza soldi per comprare il mio primo kite. La mia prima tavola venne da un pescatore che l’aveva trovata in mare e me la vendette per € 150. A quel tempo, ero l’unico Capo Verde che sapeva fare kitesurf, ma alcuni turisti stavano già arrivando a Sal per allenarsi. Ricordo quando Marc Shinn è atterrato qui e mi ha visto andare strapless. Era cosi sorpreso! Non c’era internet a quei tempi.
In realtà, ho iniziato come tutti gli altri, su una tavola twin tip – non sapevo ancora che avrei potuto fare kitesurfing con la mia semplice wave board. Avevo imparato a chiudere quasi tutti i trick old style. Poi board off, handle pass and tutto cambiò

Diciamo solo che quando ho iniziato ad andare strapless non era perché era in voga in quel momento, era più dovuto al fatto che non avevo nessun’altra tavola. Quindi ho usato la mia tavola da surf sia per il kite che per il surf. Quando ci penso e vedo fino a che punto è arrivato il wave strapless, non potrei essere più felice o più orgoglioso. Qui a Capo Verde dicevamo “Strapless is religion”. La maggior parte dei ragazzi qui va strapless, e posso tranquillamente dire che il livello dei kiter qui a Capo Verde è il migliore al mondo.
Devo dire che sono pieno di orgoglio quando vedo oggi i giovani capoverdiani, che mi guardavano mentre provavo i miei trick tempo fa, fare grandi cose, diventando loro stessi campioni e diffondendo il loro talento in tutto il mondo sotto la bandiera del nostro paese. Inoltre, grazie al primo tour strapless, ho avuto la possibilità di rendermi conto che ogni anno nascono nuovi talenti in tutto il mondo, e questo mi dà più motivazione per continuare a fare il mio lavoro. Sono ancora tra i primi 5 al mondo, quindi non no il momento di abbandonare. Lavorerò sodo e farò del mio meglio per aiutare questo fantastico sport a crescere ancora di più.

… e poi ho iniziato a volare

Freestyle strapless non era in realtà un obiettivo, stavo passando una grande onda a Ponta Sino e mi ritrovai a saltarla. In quel salto mi sono reso conto che la tavola era rimaneva bloccata ai piedi grazie al vento e qualcosa mi venne in mente … divertiamoci un po ‘di più, proviamo alcuni tricks 😉 Ho iniziato ad adattare alcuni dei trick del windsurf e poi li ho mischiati con alcune manovre di skate freestyle. Da questa combinazione, dopo alcuni anni di pratica e soprattutto, grazie all’innovazione dei materiali … stava sorgendo una nuova disciplina. Ricordo ancora la prima volta che andai al lago di Como con la mia tavola da surf: la gente mi stava letteralmente fissando come se fossi completamente pazzo !!!
Poi mi hanno visto divertirmi, fare acrobazie in acqua piatta … e in poche ore tutti mi chiedevano come e volevano provare!
Il freestyle strapless mi ha dato la motivazione per continuare con il kitesurf. Era una disciplina completamente nuova da inventare e diffondere, e ne sono orgoglioso e felice di vedere che progressi sono stati fatti!

 

Mi fa sempre piacere ricevere complimenti e riconoscimenti. Il mio percorso di vita non è stato sempre semplice. Non avevo nessuno da cui imparare, nessuno da guardare per prendere ispirazione. Tutto quello che ho imparato viene dalla mia ambizione, dalla mia passione e da un sacco di crash !!! Forse è per questo che ora sono così desideroso di diffondere la mia tecnica agli altri, amo trasmettere la mia passione alle persone che la condividono. Durante i miei corsi d’onda e il coaching sono così orgoglioso quando vedo qualcuno che riesce a fare un trucco per la prima volta o le facce felici dopo aver cavalcato Ponta Preta … A volte cammino sulla spiaggia e non posso far a meno di smettere di dare consigli ai kiters … o piuttosto che pranzare spiego a qualcuno che mi ha chiesto come fare un backroll. Adoro quello che faccio e voglio che anche gli altri abbiano la stessa passione!

…da quando lo STRAPLESS è divetata LA MIA RELIGIONE

 

 

 

 

Punti salienti della carriera:

KPWT WAVE MASTER WORLD CHAMPION 2008

4x VICE WORLD CHAMP 2010,2011,2012.

story telling

COME è cambiato il mio mondo

Sono pieno di orgoglio quando vedo oggi i giovani capoverdiani, che mi guardavano mentre provavo i miei trick tempo fa, fare grandi cose, diventando loro stessi campioni e diffondendo il loro talento in tutto il mondo sotto la bandiera del nostro paese.
Inoltre, grazie al primo tour strapless, ho avuto la possibilità di rendermi conto che ogni anno nascono nuovi talenti in tutto il mondo, e questo mi dà più motivazione per continuare a fare il mio lavoro.
I’m still on the top 5 , so I’m not gonna pass the torch yet , and I’m gonna work hard and do my best to help this amazing sport grow even more.

If you weren’t riding on the GKA tour what would you be doing?
SURFANDO COI MIEI RAGAZZI

Ho partecipato a 4 diversi tour e devo ammettere che l’atmosfera che abbiamo nella GKA è la migliore di sempre. Tutti i concorrenti sono lì per dare il massimo in termini di competition, ma soprattutto per condividere la nostra passione. Parliamo di sessioni, tricks, futuro dello sport e lavoriamo tutti insieme come una squadra. Un’altra cosa che mi piace di questo tour è il fatto di mescolare due discipline, il wave e il freestyle strapless. So che è una penalità per qualcuno, ma allo stesso tempo è una sfida per tutti. Sono stato sorpreso di vedere quanto i riders sono progrediti di anno in anno.

.

La mia vita è cambiata immensamente negli ultimi anni. Non sono più il Mitu Monteiro di 10 anni fa, ora sono un padre e un marito. Ho così tante responsabilità rispetto a prima. In realtà posso sicuramente dire che essere padre cambia anche la mia visione di fare kite. Nessun rischio inutile, nessuna assurdità solo per dare spettacolo, non oltrepassare il liimite. Sono molto più stabile. Non piu’ in perenne competizione So cosa devo fare per passare le heats e e mi concentro per quelle manovre, tutto qui. Ad esempio, raramente partecipo ai big air per evitare possibili infortuni. Diciamo che vado a competere perché sento che è ancora il mio lavoro, ma lo faccio con responsabilità. Anche durante i viaggi o gli allenamenti all’estero, faccio quel che devo fare il più rapidamente possibile per tornare a casa.
Per quanto riguarda i miei figli, la parte più difficile è quando devo stare lontano da loro per molto tempo, a volte 3, 4 settimane Voglio essere coinvolto nella loro educazione, e questo implica un lavoro quotidiano. Adoro condividere la mia passione con loro, trascorriamo così tante ore in acqua insieme, principalmente con Michael il più grande, ma ora stiamo iniziando anche Mattew di 2 anni. Penso che noi, come genitori, abbiamo una grande responsabilità verso di loro per consentire di diventare “grandi” uomini un giorno…

La Galleria

LA MIA VITA ViSTA DA VICINO

mitu monteiro

Mitu Monteiro Official Website and E-commerce

Shop

Shipping Rates & Policies

Return & Replacements

 

contacts

Shipping Rates & Policies

Return & Replacements

 

Join Now